Archivio articoli

anatocismo bancario

Interessi moratori superiori al saggio di soglia usura: conversione del mutuo da oneroso a gratuito.

La Corte d’Appello di Bari con sentenza n.125 del 23/01/2020 è nuovamente intervenuta sulla controversa tematica degli effetti ricadenti sulla disciplina di un finanziamento in caso di usurarietà del tasso di mora ivi pattuito, ribadendo il consolidato principio secondo cui è illegittimo “Il rilevato superamento del tasso soglia con riferimento a qualsiasi tipologie di interesse “ a qualunque titolo convenuto” e quindi anche con riferimento al tasso moratorio (cfr. ordinanza Cassazione 23192/2017).

Da tale principio la Corte Barese ritiene -a parere di chi scrive correttamente e coerentemente con la ratio legislativa di settore – debba derivare la gratuità dell’intero finanziamento ex art 1815 cod civ., atteso che la nullità della clausola degli interessi moratori per superamento del tasso soglia non può che travolgere anche la clausola relativa agli interessi corrispettivi e ciò anche nel caso di mancata effettiva corresponsione degli interessi moratori pattuiti in misura usuraria (cfr. art 644 cp sulla ‘promessa’ di pagamento di interessi usurari). Tale risultato, argomenta attentamente la Corte, costituisce un effetto interpretativo della ratio del legislatore del 1996 che – non a caso – ha inteso inasprire le conseguenze del superamento della soglia usura prevedendo, quale sanzione a carico del mutuante, la non debenza degli interessi in aggiunta alla nullità della clausola usuraria, a fronte del previgente dato normativo che faceva conseguire alla nullità della clausola la sola debenza di interessi nella misura legale.

Sicchè, nel rigettare  la tesi interpretativa adottata dal primo giudice, secondo cui  i tassi moratori non concorrono a determinare il T.E.G giacchè essi non devono essere considerati remunerazione bensì penale per il mancato e/o ritardato pagamento, la Corte d’Appello di Bari  evidenzia come sia irrilevante la distinzione fisiologica tra le due tipologie di interessi, rilevando unicamente la circostanza della ‘promessa’ del tasso oltre soglia ( Cass 4/4/2003 n.5324). Diversamente opinando “tale interpretazione di fatto vanifich[erebbe]  l’effetto sanzionatorio previsto dal legislatore con la modifica del comma secondo dell’art. 1815 c.c. autorevolmente ripreso in pregressi pronunciamenti della  Suprema Corte di Cassazione  per i quali  “in tema di contratto di mutuo, l’art. 1 della l.108/96 , riguarda  sia gli interessi corrispettivi che quelli moratori“, conseguendone la riforma della pronuncia del tribunale gravato determinando – l’usurarietà del saggio di mora – la conversione del mutuo da oneroso a gratuito.

Corte d’appello di Bari con sentenza n.125 del 23/01/2020

Potrebbe interessarti anche

anatocismo bancario

Anatocismo Bancario: illegittimità di ogni forma di capitalizzazione

Anatocismo Bancario: illegittimità di ogni forma di capitalizzazione. La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza Sez. 1 Num. 13861 del 7.7.16. ribadisce il principio per il quale, dichiarata nulla la clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi è inapplicabile, in sostituzione, quella annuale. E’ quindi illegittima qualunque forma di capitalizzazione (anatocismo) ed erronea la tesi […]

COMPRAVENDITA DI DIAMANTI TRAMITE SPORTELLI BANCARI

La Consob richiama l’attenzione del pubblico e degli intermediari sui potenziali rischi per gli acquirenti. La Commissione Nazionale per la Società e la Borsa (CONSOB) ha diramato una nota ufficiale in data 31.01.2017 sul proprio sito istituzionale (http://www.consob.it/web/area-pubblica/dettaglio-news/-/asset_publisher/qjVSo44Lk1fI/content/compravendita-di-diamanti/10194) con la quale, preso atto delle segnalazioni di associazioni di consumatori in ordine a proposte commerciali di […]

diritto finanziario e bancario - Mc Legal

Violazione degli obblighi informativi in materia di compravendita di strumenti finanziari. Risolubilità del contratto quadro e dei singoli ordini di investimento quando l’inadempimento è di non scarsa importanza.

La Suprema Corte, con ordinanza numero 17497 del 4.07.2018 della I° sezione civile ribadisce l’orientamento già precedentemente espresso con riferimento alla violazione degli obblighi di informativa per operazioni non adeguate in violazione dell’art. 29 del Regolamento CONSOB n.11522/98 che pone l’obbligo di informazione a carico dell’intermediario e dell’art. 23 del TUF, che pone sempre a […]