Archivio articoli

Utilizzo improprio di carta di credito e contestazione del cliente della mancata autorizzazione. Onere della prova rafforzato in capo all’Istituto di Credito.

L’Istituto di Credito è gravato dell’onere della prova della frode, del dolo o della colpa grave del cliente nell’utilizzo illecito di carte di pagamento (servizi di pagamento) ove il cliente neghi di aver autorizzato l’operazione di pagamento.

Tale previsione è contenuta nel DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 , n. 11 (Attuazione della direttiva 2007/64/CE, relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, recante modifi ca delle direttive 97/7/CE, 2002/65/CE, 2005/60/CE, 2006/48/CE, e che abroga la direttiva 97/5/CE) la cui ratio è quella di  garantire la fiducia degli utenti nella sicurezza dei sistemi informatici di pagamento.

L’eventuale segnalazione negativa del cliente presso i sistemi di informazioni creditizie in conseguenza dell’operazione di pagamento non autorizzata, determina il periculum in mora necessario per l’accoglimento del ricorso cautelare volto alla cancellazione in considerazione degli effetti negativi per il segnalato che abbia riscontrato la mancata erogazione di un finanziamento.

Tribunale Napoli del 06 Maggio 2021. Pres. Giovanni Tedesco. Est. Ragozini. Dr. Ettore Pastore Alinante

Potrebbe interessarti anche

diritto commerciale - Mc Legal

La nozione di “sofferenza” nei rapporti bancari: una grave e non transitoria difficoltà economica.

Nei rapporti bancari, ai fini della legittima segnalazione “a sofferenza” nella centrale rischi della Banca d’Italia, la nozione di insolvenza che si ricava dalle Istruzioni emanate dalla Banca d’Italia, sulla base delle direttive del CICR, non si identifica con quella propria fallimentare, ma si concretizza in una valutazione negativa della situazione patrimoniale, apprezzabile come deficitaria […]

Passaggio a sofferenza e chiusura del conto corrente

Ove l’Istituto di Credito abbia receduto dal rapporto di conto corrente mediante il c.d. passaggio “a sofferenza”  risulta ammissibile l’azione di ripetizione di indebito da parte del correntista, atteso che il c.d. passaggio “a sofferenza” equivale alla chiusura del conto. Così il Tribunale di Pavia, con la pronuncia n.289 del 14.2.19, chiarisce che – con l’appostazione […]