Archivio articoli

Azione di ripetizione dell’indebito del cessionario del credito.

Il successore nel rapporto controverso, ex art. 111 c.p.c., quale cessionario del credito di una società correntista, è legittimato a impugnare la sentenza di rigetto della domanda proposta dalla sua dante causa ancorché non abbia preso parte al primo grado del giudizio.

Con una significativa pronuncia a favore di un cliente dello studio MC LEGAL MAZZOLA CARRELLA & ASSOCIATI, la Corte d’Appello di Napoli ha accolto l’istanza proposta dal cessionario del credito di un correntista avverso un sentenza resa dal Tribunale di Torre Annunziata – sezione distaccata di Sorrento – già volta all’accertamento dell’invalidità e la nullità parziale del contratto di apertura di credito e di conto corrente oggetto del rapporto tra la parte attrice e la banca, particolarmente in relazione alle clausole con le quali erano state applicate al rapporto  interessi ultralegali e la loro capitalizzazione anatocistica trimestrale.

Invero, mediante la produzione del contratto di cessione del credito, il cessionario ha correttamente provato il subingresso nella posizione creditoria vantata dalla cedente società (attrice nel primo grado) nei confronti della banca, legittimando la propria diretta impugnazione della sentenza di primo grado resa tra cedente e banca , la quale, peraltro, costituitasi in grado di appello, ha confermato la cessione.

La Corte Partenopea conferma così i precedenti in termini in ordine al problema della successione ex art 111 cpc Cass. 6220/93, Cass. 10902/04).

Sentenza Corte D’Appello di Napoli , n. 5927/2018 pubbl. il 21/12/2018 sez. VII

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Concessione del credito da parte della banca ad impresa in crisi: responsabilità verso il ceto creditorio e legittimazione del curatore per la reintegrazione del patrimonio del fallito.

La Sezione Prima Civile della Corte di Cassazione nella recentissima ordinanza 18610 del 30/06/2021, si esprime in tema di concessione del credito bancario alle imprese in crisi e sulla conseguente responsabilità verso il ceto creditorio focalizzando sulla legittimazione attiva del curatore fallimentare per la reintegrazione del patrimonio del fallito. Il Supremo Consesso ha quindi affermato […]

Usurarietà del tasso di mora? Il mutuo diventa gratuito.

Se il tasso di mora è usurario, non è dovuto alcun interesse sul mutuo: la portata dirompente dell’ordinanza Cass. Civ. Sez. VI 4/10/2017 n. 23192. Con la recente ordinanza la Corte di Cassazione ha sostanzialmente affermato che se l’interesse moratorio previsto in un contratto bancario è usurario (nella specie trattavasi di un contratto di mutuo) […]

L’Istituto di Credito è responsabile dell’illecito commesso dal proprio promotore finanziario, salvo che il cliente-danneggiato abbia posto in essere una condotta agevolatrice.

Gli istituti di credito rispondono dei danni arrecati a terzi dai propri incaricati nello svolgimento delle incombenze loro affidate, quando il fatto illecito commesso sia connesso per occasionalità necessaria all’esercizio delle mansioni, ma la responsabilità dell’intermediario per i danni arrecati dai propri promotori finanziari è esclusa ove il danneggiato ponga in essere una condotta agevolatrice […]