Archivio articoli

Clausola di Salvaguardia: spetta alla Banca l’onere di provare il mancato superamento del tasso soglia.

Con la sentenza 17 ottobre 2019, n. 26286 la Suprema Corte di Cassazione  affronta  importanti  questioni relative al possibile cumulo tra interessi corrispettivi e moratori, ai fini del raggiungimento del tasso anti-usura ed alla valenza ed agli effetti della c.d. “clausola di salvaguardia”, spesso inserita nei contratti stipulati con gli istituti di credito.

La Corte era stata chiamata a pronunciarsi in merito ad una  sentenza del Tribunale di Monza che nel rigettare la  domanda di un  cliente di un istituto di credito che si opponeva alla procedura di esecuzione immobiliare intrapresa dalla banca nei suoi confronti, lamentando l’applicazione di un tasso di interesse usurario nel contratto di mutuo concluso con l’ente e posto alla base dell’azione esecutiva , aveva escluso che le due tipologie di interessi corrispettivi e moratori potessero cumularsi ai fini della verifica del superamento del c.d. “tasso soglia”, previsto a fini di contrasto dell’usura e che in ogni caso l’interesse moratorio era comunque rimasto al di sotto di tale limite grazie alla presenza di una clausola contrattuale “di salvaguardia”, che appunto prevedeva che il saggio di interesse convenzionale dovesse mantenersi comunque entro il limite fissato dall’art. 2 della L. n. 108 del 1996 in materia di usura.

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 26286 statuisce importanti principi di diritto in materia di rapporti bancari, affermando : “In tema di rapporti bancari, l’inserimento di una clausola “di salvaguardia”, in forza della quale l’eventuale fluttuazione del saggio di interessi convenzionale dovrà essere comunque mantenuta entro i limiti del c.d. “tasso soglia” antiusura previsto dalla L. n. 108 del 1996, art. 2, comma 4, trasforma il divieto legale di pattuire interessi usurari nell’oggetto di una specifica obbligazione contrattuale a carico della banca, consistente nell’impegno di non applicare mai, per tutta la durata del rapporto, interessi in misura superiore a quella massima consentita dalla legge. Conseguentemente, in caso di contestazione, spetterà alla banca, secondo le regole della responsabilità ex contractu, l’onere della prova di aver regolarmente adempiuto all’impegno assunto”.

Senteza Cassazione Civile 26286-2019

Potrebbe interessarti anche

anatocismo bancario

Interessi moratori superiori al saggio di soglia usura: conversione del mutuo da oneroso a gratuito.

La Corte d’Appello di Bari con sentenza n.125 del 23/01/2020 è nuovamente intervenuta sulla controversa tematica degli effetti ricadenti sulla disciplina di un finanziamento in caso di usurarietà del tasso di mora ivi pattuito, ribadendo il consolidato principio secondo cui è illegittimo “Il rilevato superamento del tasso soglia con riferimento a qualsiasi tipologie di interesse “ […]

Gratuità del mutuo in caso di tasso di mora usurario.

Esclusione della maggiorazione del 2,1%. Ai fini della valutazione della soglia di usurarietà, l’art. 644, co. III, c.p. rinvia al limite fissato dall’ art. 2, co. IV, della l. 7 marzo 1996, n. 108, che, già in origine, faceva riferimento al tasso medio risultante dall’ultima rilevazione trimestrale pubblicata nella Gazzetta Ufficiale,  che  – criterio ex […]

La nullità del mutuo fondiario per superamento del limite di finanziabilità

Il limite di finanziabilità di cui all’art. 38 TUB è elemento “essenziale” del contratto di mutuo fondiario, così che il suo mancato rispetto determina la nullità del contratto stesso. Con ordinanza n. 1193/2020 depositata il 21 gennaio la I Sez. Civile della Corte di Cassazione ha confermato i precedenti arresti giurisprudenziali in tema di nullità […]