Archivio articoli

Ufficiale la nuova composizione del Monte dei Paschi di Siena.

Da ieri la Banca più antica del mondo è controllata con il 53,4% dallo Stato, dopo la definitiva autorizzazione della Banca Centrale Europea.

Il comunicato stampa pubblicato ieri sul sito della Mps, rimanda ai decreti del Mef (Ministero dell’Economia e Finanze) pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 28 luglio scorso con cui sono stati previsti “Interventi di rafforzamento patrimoniale della Banca Monte dei Paschi di Siena”. Tabella_85-bis_RE_Comunicato_di_variazione_del_capitale-MPS.pdf

Ufficiale quindi la nuova composizione sociale a seguito della conversione in azioni dei 3,85 miliardi versati dal Tesoro, sicchè la ricapitalizzazione precauzionale ammonta a circa 8,3 miliardi considerati gli ulteriori 4,473 miliardi del burden-sharing degli obbligazionisti subordinati.

Il capitale sociale attuale di Banca Monte dei Paschi e’ pari a circa 15,7 miliardi. La composizione è così riassumibile: il 53,4% della banca è dello Stato, il 44,6 % dei titolari delle azioni subordinate convertite in azioni ed il residuale 2% dei vecchi azionisti.

Questa nuova composizione del capitale comunicata il 10.8.17 dal Mps potrà subire una ulteriore variazione quest’autunno quando è prevista l’offerta di cessione delle azioni da parte degli investitori retail a fronte di strumenti finanziari più garantiti, al punto che la partecipazione dello Stato potrebbe raggiungere quota 70%.

Gazzetta Ufficiale n. 175 del 28.07.2017

Potrebbe interessarti anche

Il diritto ad ottenere la documentazione bancaria ex art. 119, comma 4 Testo Unico Bancario: modalità di esercizio, contenuto e limiti.

Il quarto comma dell’art. 119 del Testo Unico Bancario disciplina il diritto del correntista (o di colui che gli succeda a qualunque titolo o che gli subentri nell’amministrazione dei suoi beni) ad ottenere, a proprie spese[1], copia della documentazione inerente singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. Ciò entro un congruo termine e […]

Polizze assicurative abbinate ai mutui: maximulta dell’Antitrust a Intesa San Paolo, Unicredit, Bnl e Ubi per pratiche commerciali scorrette.

Unicredit, Bnl,  Intesa Sanpaolo e Ubi Banca sono state pesantemente sanzionate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Commercio per condotta scorretta nell’ambito della commercializzazione di contratti di mutuo immobiliare anche con surrogazione, consistente nell’aver indotto i consumatori, intenzionati a stipulare  contratti di mutuo immobiliare o surrogarne di precedenti, a sottoscrivere polizze assicurative di vario genere, come ad esempio, incendio e […]

Nullità del mutuo fondiario per superamento del limite di finanziabilità.

La Suprema Corte di Cassazione, con provvedimento n. 13282/2018, torna a ribadire quanto già statuito da precedente pronuncia in termini resa da Cassazione n.17352/2017, assumendo che con il superamento del limite di finanziabilità, il precetto di cui all’art. 38 TUB è disatteso non solo (e non tanto) sul versante del comportamento, quanto e soprattutto sul […]