Archivio articoli

Ufficiale la nuova composizione del Monte dei Paschi di Siena.

Da ieri la Banca più antica del mondo è controllata con il 53,4% dallo Stato, dopo la definitiva autorizzazione della Banca Centrale Europea.

Il comunicato stampa pubblicato ieri sul sito della Mps, rimanda ai decreti del Mef (Ministero dell’Economia e Finanze) pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 28 luglio scorso con cui sono stati previsti “Interventi di rafforzamento patrimoniale della Banca Monte dei Paschi di Siena”. Tabella_85-bis_RE_Comunicato_di_variazione_del_capitale-MPS.pdf

Ufficiale quindi la nuova composizione sociale a seguito della conversione in azioni dei 3,85 miliardi versati dal Tesoro, sicchè la ricapitalizzazione precauzionale ammonta a circa 8,3 miliardi considerati gli ulteriori 4,473 miliardi del burden-sharing degli obbligazionisti subordinati.

Il capitale sociale attuale di Banca Monte dei Paschi e’ pari a circa 15,7 miliardi. La composizione è così riassumibile: il 53,4% della banca è dello Stato, il 44,6 % dei titolari delle azioni subordinate convertite in azioni ed il residuale 2% dei vecchi azionisti.

Questa nuova composizione del capitale comunicata il 10.8.17 dal Mps potrà subire una ulteriore variazione quest’autunno quando è prevista l’offerta di cessione delle azioni da parte degli investitori retail a fronte di strumenti finanziari più garantiti, al punto che la partecipazione dello Stato potrebbe raggiungere quota 70%.

Gazzetta Ufficiale n. 175 del 28.07.2017

Potrebbe interessarti anche

Polizze Linked, per la Cassazione sono prodotti di investimento.

Le polizze Unit Linked costituiscono investimenti finanziari e non polizze vita. La Suprema Corte di Cassazione, con la recentissima ordinanza 10333/2018, stabilisce che le polizze vita sono da considerarsi tali solo se garantiscono la restituzione del capitale “investito”, altrimenti sono contratti di investimento ordinari. Gli Ermellini confermano una pronuncia della Corte d’Appello di Milano, che aveva […]

Nullità del mutuo fondiario per superamento del limite di finanziabilità.

La Suprema Corte di Cassazione, con provvedimento n. 13282/2018, torna a ribadire quanto già statuito da precedente pronuncia in termini resa da Cassazione n.17352/2017, assumendo che con il superamento del limite di finanziabilità, il precetto di cui all’art. 38 TUB è disatteso non solo (e non tanto) sul versante del comportamento, quanto e soprattutto sul […]

anatocismo bancario

Interessi moratori superiori al saggio di soglia usura: conversione del mutuo da oneroso a gratuito.

La Corte d’Appello di Bari con sentenza n.125 del 23/01/2020 è nuovamente intervenuta sulla controversa tematica degli effetti ricadenti sulla disciplina di un finanziamento in caso di usurarietà del tasso di mora ivi pattuito, ribadendo il consolidato principio secondo cui è illegittimo “Il rilevato superamento del tasso soglia con riferimento a qualsiasi tipologie di interesse “ […]