Archivio articoli

Deposito bilanci in sede pre fallimentare. Mancata indicazione di crediti non contestati – Inattendibilità – Legittimità della dichiarazione di Fallimento.

CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 08 febbraio 2018, n. 3077.

I BILANCI DEPOSITATI IN SEDE PREFALLIMENTARE NON COSTITUISCONO PROVA LEGALE DELL’ASSENZA DEI REQUISITI DI NON FALLIBILITA’ EX ART 1 L.F.

In sede pre – fallimentare, ove si intenda dimostrare l’assenza dei requisiti di fallibilità ai sensi dell’art.1  co. 2 L. f., i bilanci depositati dalla fallenda NON costituiscono PROVA LEGALE e gli stessi – a prescindere anche dalla ritualità del loro deposito presso il Registro Imprese – possono essere motivatamente ritenuti “non attendibili” ove non rechino la debitoria non contestata riferibile ai creditori prefallimentari.

Allegato: CORTE DI CASSAZIONE – Ordinanza 08 febbraio 2018, n. 3077

Potrebbe interessarti anche

anatocismo bancario

Anatocismo Bancario: illegittimità di ogni forma di capitalizzazione

Anatocismo Bancario: illegittimità di ogni forma di capitalizzazione. La Suprema Corte di Cassazione, con sentenza Sez. 1 Num. 13861 del 7.7.16. ribadisce il principio per il quale, dichiarata nulla la clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi è inapplicabile, in sostituzione, quella annuale. E’ quindi illegittima qualunque forma di capitalizzazione (anatocismo) ed erronea la tesi […]

Il diritto ad ottenere la documentazione bancaria ex art. 119, comma 4 Testo Unico Bancario: modalità di esercizio, contenuto e limiti.

Il quarto comma dell’art. 119 del Testo Unico Bancario disciplina il diritto del correntista (o di colui che gli succeda a qualunque titolo o che gli subentri nell’amministrazione dei suoi beni) ad ottenere, a proprie spese[1], copia della documentazione inerente singole operazioni poste in essere negli ultimi dieci anni. Ciò entro un congruo termine e […]

Gratuità del mutuo in caso di tasso di mora usurario.

Esclusione della maggiorazione del 2,1%. Ai fini della valutazione della soglia di usurarietà, l’art. 644, co. III, c.p. rinvia al limite fissato dall’ art. 2, co. IV, della l. 7 marzo 1996, n. 108, che, già in origine, faceva riferimento al tasso medio risultante dall’ultima rilevazione trimestrale pubblicata nella Gazzetta Ufficiale,  che  – criterio ex […]