Archivio articoli

Gratuità del mutuo in caso di tasso di mora usurario.

Esclusione della maggiorazione del 2,1%.

Ai fini della valutazione della soglia di usurarietà, l’art. 644, co. III, c.p. rinvia al limite fissato dall’ art. 2, co. IV, della l. 7 marzo 1996, n. 108, che, già in origine, faceva riferimento al tasso medio risultante dall’ultima rilevazione trimestrale pubblicata nella Gazzetta Ufficiale,  che  – criterio ex lege di integrazione della fattispecie normativa della cd. usura oggettiva – non è affatto comprensiva degli interessi di mora contrattualmente previsti per i casi di ritardato pagamento.

Pertanto, il Tribunale di Bari sezione esecuzioni immobiliari – nella recente pronuncia del 09.10.2019 Dr. Laura Fazio – ritiene condivisibile la soluzione per la quale va assunta, come valido termine di raffronto del TEG contrattuale, il TEGM normativamente stabilito nella specie dal DM in vigore all’epoca della stipula del contratto di mutuo.

Ritiene, dunque, il Tribunale – attesa l’evidenziata usurarietà del mutuo – l’opportunità di sospendere la procedura esecutiva, atteso che quanto complessivamente versato dal mutuatario estingue (secondo le prospettazioni fornite agli atti) l’obbligo rateale in linea capitale sino alla data di notifica del precetto.

 TRIBUNALE DI BARI SECONDA SEZIONE CIVILE – UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI n. 424 / 2018 R.G.E. 09.10.2019

Potrebbe interessarti anche

NULLITA’ DEL CONTRATTO DI MUTUO PER MANCATA INDICAZIONE DELL’ISC/TAEG

I contratti di mutuo, di anticipazione bancaria e di finanziamento in genere devono contenere, al loro interno – o, dal 2009, quantomeno nel documento di sintesi – l’indicazione, espressa in punti percentuali, del costo totale dell’operazione per il cliente, avuto riguardo a tutti i costi collegati dell’erogazione del credito[1]; in mancanza, gli stessi contratti possono […]

La nullità dei contratti di fideiussione omnibus

‘L’illecito anticoncorrenziale consumatosi prima della stipula della fideiussione non può che travolgere il negozio concluso “a valle”, per la violazione dei principi e delle disposizioni regolative della materia anitrust’. Come noto, nella fideiussione omnibus, il fideiussore si impegna a garantire tutte le obbligazioni che il debitore garantito assumerà nei confronti del terzo creditore (di regola […]

Anatocismo bancario: breve excursus e risvolti pratici.

Definizione Il termine “anatocismo” individua il fenomeno di capitalizzazione degli interessi, ovverosia quel meccanismo per cui gli interessi scaduti e non pagati vengono imputati, ad intervalli periodici più o meno ampi, a capitale; da quel momento, dunque, sugli stessi si produrranno ulteriori interessi. Un breve esempio, riportato sullo stesso sito della Banca d’Italia[1], potrà meglio […]