Archivio articoli

Nullità del mutuo fondiario per superamento del limite di finanziabilità.

La Suprema Corte di Cassazione, con provvedimento n. 13282/2018, torna a ribadire quanto già statuito da precedente pronuncia in termini resa da Cassazione n.17352/2017, assumendo che con il superamento del limite di finanziabilità, il precetto di cui all’art. 38 TUB è disatteso non solo (e non tanto) sul versante del comportamento, quanto e soprattutto sul versante dell’oggetto del finanziamento fondiario eccessivo.

Per tali motivi: un finanziamento ipotecario non rispettoso dei limiti involti dalla disciplina normativa non soddisfa il requisito della “fondiarietà” stabilito dalla norma imperativa, sicchè l’invalidità risulta radicale al punto che “a siffatta tesi della nullità parziale ostano non solo le difficoltà pratico-giuridiche di conciliare il frazionamento dell’unico contratto stipulato tra le parti col possibile consolidamento dell’ipoteca per la sola porzione fondiaria, ma anche e a monte la considerazione che l’art. 38 TUB individua oggettivamente i caratteri costitutivi dell’operazione di credito fondiario nel rispetto del limite evocato dal secondo comma della disposizione”.

Nulla osta di contro per Cassazione, in presenza di condizioni, la conversione del negozio in mutuo ipotecario tout court.

Leggi la pronuncia: Cassazione 13286-2018 Nullità Mutuo Fondiario per superamento limiti finanziabilità

Potrebbe interessarti anche

Anatocismo bancario: breve excursus e risvolti pratici.

Definizione Il termine “anatocismo” individua il fenomeno di capitalizzazione degli interessi, ovverosia quel meccanismo per cui gli interessi scaduti e non pagati vengono imputati, ad intervalli periodici più o meno ampi, a capitale; da quel momento, dunque, sugli stessi si produrranno ulteriori interessi. Un breve esempio, riportato sullo stesso sito della Banca d’Italia[1], potrà meglio […]

Decreto rilancio, le misure per le imprese contro l’emergenza coronavirus

Il Decreto rilancio è un maxi pacchetto di misure straordinarie per un valore di 55 miliardi di euro con interventi a sostegno dell’economia italiana gravemente danneggiata dall’emergenza coronavirus. il Decreto rilancio contiene anche alcune misure di aiuti per le imprese. In particolare sono previsti: Taglio della rata Irap di giugno 2020 per le imprese al di sotto dei 250 […]

Condotta illecita del promotore finanziario? Responsabilità dell’intermediario proponente.

Cassazione 18928 2017 3° sez. civile – responsabilità promotore finanziario STRUMENTI FINANZIARI. L’investitore può far valere la responsabilità per la condotta illecita del promotore finanziario anche nei confronti dell’intermediario proponente, sebbene tra questi ultimi non vi sia un vero e proprio rapporto di dipendenza. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con la sentenza Sez. 3 […]