Archivio articoli

Decreto rilancio, le misure per le imprese contro l’emergenza coronavirus

Il Decreto rilancio è un maxi pacchetto di misure straordinarie per un valore di 55 miliardi di euro con interventi a sostegno dell’economia italiana gravemente danneggiata dall’emergenza coronavirus.

il Decreto rilancio contiene anche alcune misure di aiuti per le imprese. In particolare sono previsti:

  • Taglio della rata Irap di giugno 2020 per le imprese al di sotto dei 250 milioni di euro di fatturato.
  • Un bonus sulle bollette dell’energia elettrica che prevede l’azzeramento delle quote fisse.
  • Un bonus affitto, un credito di imposta fino al 60% per coprire parte dei costi dell’affitto di uffici, negozi e locali.

Contributi a fondo perduto per le imprese

La misura certamente più rilevante è quella che prevede  contributi a fondo perduto per le imprese sotto ai 5 milioni di euro di fatturato. Saranno importi tra i 1000 e i 62 mila euro che potranno essere richiesti da chi ha subito danni  come conseguenza dell’emergenza epidemiologica .

Due  sostanzialmente i requisiti per ottenere il contributo a fondo perduto in favore delle imprese disposto dal Decreto rilancio. Il primo  è avere un fatturato non superiore ai 5 milioni di euro. Il secondo è quello di aver registrato perdite per almeno il 33% del fatturato ad aprile 2020 rispetto allo stesso mese del 2019. Ovvero dal momento di piena attività al punto più acuto dell’emergenza coronavirus. L’indennizzo sarà  proporzionale alle perdite. Il Decreto rilancio prevede tre diversi scaglioni per l’erogazione del contributo a fondo perduto alle imprese, che saranno indennizzate con:

  • il 25% delle perdite registrate ad aprile 2020 per chi fattura fino a 100 mila euro;
  • il 20% delle perdite per chi ha fatturati fra 100 e 400 mila euro;
  • il 15% per imprese con volume d’affari fra 400 mila e 5 milioni di euro.

L’importo del contributo a fondo perduto sarà legato al volume d’affari complessivo delle imprese che ne faranno richiesta.

Al fine di ottenere il contributo a fondo perduto, le imprese interessate devono presentare, esclusivamente in via telematica, un’istanza all’ Agenzia delle Entrate con l’indicazione della sussistenza dei predetti requisiti. L’istanza dovrà contenere  anche l’autocertificazione di regolarità antimafia. L’Agenzia delle Entrate procederà alle necessarie verifiche.

Le modalità di effettuazione dell’istanza, il suo contenuto informativo, i termini di presentazione della stessa e ogni altro elemento necessario all’ attuazione delle disposizioni saranno  definiti con successivo provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate.
Sulla base delle informazioni contenute nell’ istanza , il contributo a fondo perduto sarà corrisposto dall’ Agenzia delle Entrate mediante accreditamento diretto in conto corrente bancario o postale intestato al soggetto beneficiario.

Leggi il testo del Decreto.pdf

Potrebbe interessarti anche

Ufficiale la nuova composizione del Monte dei Paschi di Siena.

Da ieri la Banca più antica del mondo è controllata con il 53,4% dallo Stato, dopo la definitiva autorizzazione della Banca Centrale Europea. Il comunicato stampa pubblicato ieri sul sito della Mps, rimanda ai decreti del Mef (Ministero dell’Economia e Finanze) pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 28 luglio scorso con cui sono stati previsti “Interventi […]

Polizze assicurative abbinate ai mutui: maximulta dell’Antitrust a Intesa San Paolo, Unicredit, Bnl e Ubi per pratiche commerciali scorrette.

Unicredit, Bnl,  Intesa Sanpaolo e Ubi Banca sono state pesantemente sanzionate dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Commercio per condotta scorretta nell’ambito della commercializzazione di contratti di mutuo immobiliare anche con surrogazione, consistente nell’aver indotto i consumatori, intenzionati a stipulare  contratti di mutuo immobiliare o surrogarne di precedenti, a sottoscrivere polizze assicurative di vario genere, come ad esempio, incendio e […]

Il diritto del correntista di ottenere dalla banca la documentazione relativa al rapporto di conto corrente sia in sede stragiudiziale che giudiziaria

La S.C. torna ad occuparsi di argomento di assoluta attualità nel panorama bancario: il diritto del correntista alla consegna della documentazione bancaria relativa al rapporto di c/c intrattenuto con la Banca. Con l’ordinanza del 19 maggio 2020 n. 9198 le Sez. semplici della Corte di Cassazione tornano ad affrontare un tema assai caro alla giurisprudenza […]